“Parchi capaci di futuro”, la Carta di Fontecchio

“Dalle aree protette proviene un messaggio di speranza per l’umanità: spetta a ciascuno il compito di accoglierlo e renderlo vivo”. Questa messaggio conclude la Carta di Fontecchio (promulgata alla fine dell’incontro nazionale, tenutosi a Fontecchio, L’Aquila, il 20-21 giugno 2014) sul ruolo delle aree naturali protette e sull’attualità della Legge quadro sulle aree protette (n. 394 del 1991).

In questa rubrica siamo soliti fare riferimento a esperienze che concretizzano valori, esempi, comportamenti. Perché allora facciamo riferimento alla Carta di Fontecchio?

Negli ultimi anni la speranza per un territorio rispettato e protetto fatica ad essere mantenuta a causa della serie di leggi o decreti che rimettono in discussione principi e valori di salvaguardia.

Riteniamo che, per poter agire, si debba leggere la Carta di Fontecchio nella sua versione riveduta e ampliata al convegno di martedì 5 Aprile 2016, nella sede dell’enciclopedia Treccani a Roma.

Il documento propone con chiarezza al mondo politico, agli amministratori, ai cittadini italiani, il possibile ed auspicabile ruolo guida delle aree naturali protette per la conquista di un futuro sostenibile.

Annunci