Tutela Colline Picene, Tutela del Bretta e RifiutiAmo

Une delle azioni proposte da e per gli Angeli del Suolo è “marcare (nel senso sportivo del termine) un politico”. Ci sono molti modi per farlo. Alcuni abitanti si sono costituiti in un comitato di volontari per la tutela del territorio in modo da poter – in tale veste – contattare direttamente i vari livelli istituzionali che hanno la responsabilità della tutela del territorio. Va aggiunto che, unendosi tra loro più comitati locali, si ottengono due effetti: un impatto maggiore sulle istituzioni e una presa di responsabilità estesa e compartecipata.

In tale contesto presentiamo qui il Comitato Tutela Colline Picene, il Comitato Tutela del Bretta e il Comitato RifiutiAmo che insieme si occupano di questioni riguardanti l’ambiente, il territorio, la sicurezza e la salute nel Piceno.

 Il sistema collinare del Piceno presenta valenze ambientali peculiari riconosciute a livello regionale, nazionale ed europeo. Questo territorio è già pesantemente gravato da numerose infrastrutture, benché d’interesse collettivo, realizzate al di fuori di un’attenta e lungimirante programmazione da parte delle istituzioni preposte. Diventa fondamentale: garantire l’utilizzo sostenibile delle risorse e mantenere inalterate le caratteristiche naturali, le quali sono strettamente integrate con il patrimonio culturale – presente in modo capillare su tutto il territorio – e con le attività agricole, ancora largamente diffuse ed esercitate nel rispetto delle tradizioni e dei valori paesaggistici. Sono proprio queste caratteristiche che costituiscono la ricchezza naturale insostituibile da mantenere e preservare anche per le generazioni future.

 I tre Comitati si propongono come valore irrinunciabile il mantenimento di buone qualità della vita. Per questo effettuano attività di studio relativamente ai rischi per la salute derivanti da fenomeni di inquinamento ambientale. A questo scopo gli organizzatori promuovono iniziative volte a tutelare l’ambiente, la salute e la qualità della vita dei cittadini, in particolare agendo attraverso campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di tutti gli Organi Istituzionali che abbiano il potere di intervenire in maniera diretta o indiretta per garantire la tutela dell’ambiente e il diritto alla salute dei cittadini.

Il loro lavoro è costante e agisce su svariati fronti con contatti diretti con le autorità politiche aventi responsabilità specifiche. Un esempio sono le osservazioni inviate all’Ufficio della Provincia – Servizio Tutela Ambientale – sulla valutazione d’impatto ambientale (VIA) per la realizzazione della IV vasca di discarica in località Alta Valle del Bretta nel comune di Ascoli Piceno. Tali osservazioni hanno allargato la discussione sull’opportunità di ampliare la discarica e sollecitato le amministrazioni competenti ad effettuare i controlli di legge e a verificare alcune inosservanze.

Il prossimo 11 giugno, insieme alla Provincia di Ascoli Piceno, organizzeranno un convegno sulla strategia Rifiuti Zero, con la partecipazione di Rossano Ercolini, presidente dell’associazione Zero Waste Europe e vincitore del Goldman Environmental Prize, il maggior riconoscimento mondiale sui temi della sostenibilità e dell’ambientalismo, definito “il Nobel dell’ecologia”.

Il lavoro prevede anche un’incessante sollecitazione dei mezzi di informazione. Alleghiamo qui il comunicato stampa n. 7 del 11 maggio 2016 con cui si chiede la rapida approvazione del piano per riportare la politica dei rifiuti nell’ambito della gestione ordinaria.

 

Maggiori informazioni:

https://www.facebook.com/TutelaCollinePicene/info?tab=page_info

Email: tutelacollinepicene@gmail.com

Annunci