Una fattoria nel cuore di un parco a Bruxelles (Belgio)

È possibile creare uno spazio ecologico e sociale nel cuore di una città?

A quanto pare basta volerlo … e avere a disposizione un parco.

Chi transita per Bruxelles spesso è obbligato a restare chiuso in sale di riunioni e in luoghi di conferenze. Tour&Taxi – ex dogana per le merci in arrivo a Bruxelles – è stato recuperato e trasformato da qualche anno in un sito di eccellenza per mostre, esposizioni, conferenze, convegni, concerti… Si trova a poca distanza dal centro storico della città e di recente vi hanno anche trasferito temporaneamente – a causa di lavori di trasformazione – il teatro reale della Monnaie.Chi partecipa alle conferenze a volte ha bisogno di una boccata d’aria, di mangiare qualcosa in un contesto differente dal solito, di parlare di tematiche altre da quelle in corso di discussione, o di trovarsi in un ambiente diverso per conversare in tutta tranquillità. Ebbene chi va a Tour&Taxi ha la fortuna di trovarsi proprio di fronte al Parco-Fattoria sociale di Tour&Taxi, il cui nome ufficiale è Parckfarm T&T. Non è un’attività del centro conferenze, bensì il lavoro degli abitanti dei quartieri limitrofi che hanno deciso di sviluppare assieme, attraverso un festival ecologico temporaneo, una dinamica locale sostenibile. Per farlo hanno costituito un’associazione a scopo non lucrativo che è diventata una piattaforma aperta per iniziative di tutti gli abitanti del quartiere e per coltivatori urbani, contadini e orticoltori della regione.

La Fattoria sociale è al centro del parco ed è tenuta da volontari che accolgono e spiegano come scoprire le varie attività offerte. Vi si può mangiare e bere prodotti locali esclusivamente biologici. Oltre a produrre ortaggi, vi si allevano galline e oche e tutta l’intera attività si sviluppa nello spazio pubblico del Parco, coadiuvata da un architetto e da un veterinario.

Tutte le persone coinvolte cercano soluzioni ecologiche, lasciando sempre spazio allo spirito creativo e alla sperimentazione. Ne è un esempio il Tavolo-Paesaggio (vedi foto all’inizio del Bollettino) che è il luogo comune per la condivisione del cibo e si trova al centro del parco-fattoria. Il tavolo permette di mangiare in contatto diretto con le piante commestibili e medicinali che sono anche incorporate e presenti nello stesso tavolo. Questa installazione invita il pubblico a mangiare e incontrarsi in un paesaggio che combina agricoltura, cucina e natura.

Innumerevoli sono le attività dell’associazione: dibattiti, proiezione di film, corsi di formazione in tantissimi settori, oltre naturalmente a coltivazione e allevamento. Inoltre, come in tutti i parchi, vi si va per riposare, trovare una dimensione diversa, camminare, incontrare gente, parlare, giocare, ridere, scherzare.

Oltre agli abitanti dei quartieri limitrofi, tanti sono i sostenitori di questa iniziativa, ivi comprese delle associazioni con alcune delle quali si sono stabiliti partenariati per la distribuzione di prodotti biologici garantiti.

Visto che il Parco è solo a circa un chilometro dal centro di Bruxelles, chi abbia voglia e un po’ di tempo può approfittarne: basta prendere la Metro e scendere alle fermate Belgica o Pannenhuis.

Invitiamo i lettori a segnalarci l’esistenza di esperienze simili.

 

Per orari di apertura del Parco e per maggiori dettagli: http://www.parckfarm.be/

Annunci