Giovani agricoltori europei

Uno degli stereotipi riguardanti l’agricoltura in Europa è che gli agricoltori sono generalmente persone anziane che coltivano campi di loro proprietà, ma senza prospettive per il futuro. La conferenza ‘Access to land for farmers in the EU’ che si è tenuta lo scorso dicembre ha confermato questo dato, ma allo stesso tempo ha indicato sia le cause per cui i giovani agricoltori hanno grosse difficoltà d’accesso alla terra, sia alcuni dati che indicano una inversione di tendenza: 45% degli agricoltori europei ha meno di 55 anni di età e il 6% meno di 35 anni.

Chi sono gli agricoltori che compongono questo 6%? Possiamo confidare sulle loro idee, prospettive e ambizioni? In altre parole, vi è ancora speranza per l’agricoltura europea?

Un regista cinematografico ha provato a trovare risposte a queste domande, raccogliendo le testimonianze dei giovani agricoltori in video disponibili in internet. L’iniziativa si chiama Future Farmers in the Spotlight: ascoltandola e guardandola ci si sente riconfortati per il futuro! Nelle interviste non si nascondono le difficoltà, ma emerge con forza e energia la volontà per un futuro migliore per un’agricoltura innovativa, fattibile e sostenibile. Questi giovani agricoltori sono di differenti stati europei: Olanda, Irlanda, Germania, Norvegia, Danimarca, Grecia, Francia, Spagna. Essi rappresentano solo un piccolo numero della massa di giovani agricoltori di tutti gli stati membri dell’UE calcolata a oltre 2 milioni. Essi hanno anche un’associazione specifica, il Consiglio Europeo dei Giovani Agricoltori – CEJA ufficialmente riconosciuto e sostenuto dalla Commissione Europea.

Uno scritto non può sostituire le loro parole e i loro gesti!

Ascoltiamo allora da Serena Kapsoritaki come ha recuperato e messo in produzione le erbe naturali che crescono a Creta. Seguiamo Ask Rasmussen che gestisce Kiselgården, una delle più vecchie fattorie biodinamiche della Danimarca. Osserviamo come Darragh Flynn coltiva l’erba di grano e molti altri diversi tipi di germogli che distribuisce in tutta l’Irlanda.

Basta guardare e ascoltare queste testimonianze per capire che, malgrado tutte le difficoltà, il futuro del cibo e dell’agricoltura in Europa è senza dubbio quello che questi giovani stanno già costruendo.

Annunci