non siamo soli!

CO2 – Land

Facciamo riferimento ad una associazione tedesca, la CO2 – Land, membro dell’Iniziativa 4per1000, che agisce concretamente per realizzare gli obiettivi dell’Iniziativa. Ricordiamo che: “se il contenuto globale di carbonio organico dei suoli dovesse aumentare del 4 per mille (0,4 percento) all’anno, tutte le emissioni di carbonio antropogeniche rilevanti per il clima potrebbero essere completamente compensate“.

Nel contesto regionale in cui agisce l’Associazione CO2-Land, l’obiettivo può essere raggiunto anche con limitate misure. La preoccupazione centrale del progetto CO2-Land è contrastare il cambiamento climatico utilizzando i seminativi come un significativo pozzo di CO2. In tale contesto, agricoltura e società civile si incontrano. Le aziende e i cittadini possono unirsi agli agricoltori su base volontaria anche acquistando certificati di CO2 per creare humus sui loro campi. Un’alleanza congiunta per promuovere la protezione del clima in un contesto regionale e trasparente.

Ricercatori, agricoltori e cittadini quindi collaborano per sviluppare misure agricole che, nel contesto regionale, siano idonee ad aumentare nuovamente il contenuto di humus dei loro suoli mediante l’immissione di CO2. Si formulano, sviluppano e verificano le modalità e le basi contrattuali per la specifica salvaguardia del carbonio nel suolo. Alla fine del progetto si vuole ottenere un modello di business autosufficiente per il commercio regionale di certificati di emissione di CO2. In tale modo gli agricoltori possono essere direttamente ricompensati per limitare o bloccare le emissioni dannose per il clima a tutto beneficio della regione che ne sostiene l’iniziativa.

L’approccio sopradescritto è molto interessante perché pone sullo stesso piano agricoltori, ricercatori e cittadini. Un modo di stabilire regole e procedure valide per tutti e con la possibilità di un diretto controllo democratico da parte dei partecipanti.

https://co2-land.org/