non siamo soli!

Fatti non parole! (Inghilterra)

Se in Italia il Ministro dell’Agricoltura annunciasse di concerto col Ministro dell’Ambiente (ci piace menzionarlo ancora così) che parte dei fondi del PNRR saranno destinati a ricompensare gli agricoltori che si prenderanno cura della conservazione della fertilità naturale dei suoli, probabilmente penseremmo che la notizia sia falsa.

Ebbene in Inghilterra gli agricoltori saranno pagati per prendersi cura dei terreni inglesi per la prima volta dal prossimo anno! Inoltre:

“La protezione del suolo è stata scelta come primo pagamento di questo tipo dopo le ripetute promesse del governo di dare la priorità ai suoli del Regno Unito, che sono una riserva vitale di carbonio. Alcune delle misure che gli agricoltori dovranno intraprendere in cambio dei pagamenti sarebbero comunque di routine per molti agricoltori, come piantare colture di copertura su suolo nudo durante l’inverno. I terreni nudi sono preda dell’erosione e del deflusso, quindi garantire che i campi siano coperti da un raccolto in grado di restituire sostanze nutritive al suolo è la chiave per la sua conservazione.”

“Gli agricoltori saranno pagati tra £ 20 e £ 58 per ettaro (in Inghilterra) per misure di base per proteggere e coltivare i loro suoli, e quasi tutti gli agricoltori avranno probabilmente diritto a richiedere i pagamenti, che copriranno i terreni arabili per la coltivazione e prati, brughiere e altri terreni.”

“I gruppi ambientalisti hanno criticato le misure come misere e hanno accusato i ministri di non aver rispettato le loro promesse di utilizzare l’uscita del Regno Unito dall’UE per rafforzare le protezioni ambientali e ridurre gli impatti dannosi dell’agricoltura.”

“I leader di tre dei più grandi gruppi ecologici e di conservazione del Regno Unito: il Wildlife Trusts, l’RSPB e il National Trust hanno accusato congiuntamente il governo di non aver preso sul serio l’urgente necessità di un’agricoltura rispettosa della natura. Hanno indicato il forte calo della fauna selvatica nativa negli ultimi tre decenni e hanno affermato che i piani del governo avrebbero fatto ben poco per rimediare a questo.”

“Il cambiamento porterà alla fine gli agricoltori a firmare contratti di gestione ambientale del territorio, impegnandoli ad adottare misure per proteggere la qualità dell’aria e dell’acqua e fornire habitat per la fauna selvatica, in cambio di pagamenti ancora da definire nei dettagli. Nel frattempo, l’iniziativa di finanza sostenibile – di cui il programma per i suoli è la prima parte – fornirà pagamenti per misure ambientali di base.”

“Gruppi di agricoltori hanno accolto con cautela le nuove misure – che il governo ha affermato essere state progettate per essere flessibili, per consentire ai fittavoli di applicare facilmente ed evitare condizioni “punitive” in caso di violazioni accidentali – ma alcuni temono che non andranno abbastanza lontano.”

Come detto dalla consulente per le politiche agricole presso l’Associazione degli agricoltori affittuari: “Dati i mercati delle materie prime di oggi, molti agricoltori riterranno che sia più vantaggioso dal punto di vista finanziario coltivare per la produzione [cibo] piuttosto che per la protezione del suolo, sotto la annunciata struttura dei costi.”

Che piacere potersi confrontare su misure concrete e non sui soliti blah-blah-blah.

Chissà se i ministri italiani terranno conto di questa iniziativa magari per definire i piani nazionali della prossima Politica Agricola Comune.