istituzioni europee

Direttiva EU sul Suolo – È iniziato il ballo … senza musica?

È cominciato il cammino che dovrebbe condurre alla formulazione della nuova direttiva europea sul suolo entro il 2023. Il sentiero da percorrere è tortuoso, pieno di “buche” e di vere e proprie “imboscate”. La Commissione ha riaperto le “danze” con una consultazione pubblica (16 febbraio – 16 marzo 2022), sui principi generali illustrati per una valutazione d’impatto sulla “Salute del suolo – protezione, gestione e ripristino sostenibili dei suoli dell’UE”. I testi sono disponibili in tutte le lingue EU.

Cosa si prefigge la Commissione con questa azione?

“La Commissione intende garantire che gli interessi dei cittadini dell’UE siano ben rappresentati nella valutazione d’impatto e nella proposta di normativa sulla salute del suolo grazie alla raccolta di contributi, idee, informazioni e pareri, compresi documenti programmatici, studi, dati sulle cause e la portata del problema, sui costi e l’impatto, le opzioni e gli obiettivi strategici.”

Spieghiamo perché la definiamo una danza senza musica.

Dopo il lancio della Strategia ci aspettiamo dibattiti incontri discussioni verifiche iniziative su un testo di direttiva, che per noi è la musica di questa danza.

Raccogliere urbi et orbi input, suggerimenti, valutazioni dopo quanto è già stato fatto per la Strategia, ci pare solo continuare a girare intorno al problema riducendo i tempi necessari al confronto tra i diversi attori interessati. Non si può più temporeggiare, vanno create le condizioni per un dialogo con coloro che stanno preparando trappole e sgambetti. Lo scorso giugno, come Forum SIP, nel nostro piccolo abbiamo dimostrato che il dialogo tra interlocutori diversi è possibile.