Un passo alla volta

Abbiamo già annunciato che la proposta di legge preparata dal Forum SIP è diventata proposta della Camera dei Deputati dal 23 marzo scorso. L’iter non si è fermato e infatti a luglio il testo è stato presentato anche al Senato italiano. Una crescente responsabilità è quindi sulle spalle del Forum SIP. Sarebbe un errore considerare che il “gioco” è fatto e che il testo arriverà rapidamente alla sua approvazione finale. Se non si è riusciti negli ultimi 20 anni a far approvare una legge contro il consumo del suolo, non sarà nemmeno facile far approvare in poco tempo una legge che pone solide basi per la protezione del suolo e impone un cambiamento radicale nel concepire costruzioni e grandi opere.

Contemporaneamente sarebbe un altro errore considerare questa proposta di legge valida solo per l’Italia.  Si ricordi che per ben 8 anni (2006-2014) è stata discussa – senza approvarla! –  una proposta di direttiva europea sui suoli, la quale, benchè non rivoluzionaria, indicava il cammino da seguire per salvaguardare i suoli per le generazioni future. Dal ritiro di quella proposta di direttiva ci troviamo in un vuoto che potrebbe far rientrare dalla “finestra” europea ció che si riuscirà a far uscire dalla “porta” italiana. Per questo motivo bisogna da subito considerare che il testo della proposta di legge italiana, già così come è, debba essere presentato sui tavoli e nelle istituzioni europee al fine di trarne i principi cardini per una direttiva dell’Unione Europea. Continua a leggere “Un passo alla volta”

Annunci

Parere del CESE su Utilizzo del suolo

Un vecchio adagio racconta di un contrabbandiere che attraversava ogni giorno la frontiera tra due Stati spingendo una carriola vuota. I doganieri a più riprese lo avevano fermato e perquisito senza mai trovare un appiglio da contestargli. Dopo molto tempo uno dei doganieri interpella il contrabbandiere e, annunciandogli che sarebbe andato in pensione, gli chiede di confidargli cosa e come contrabbandava. La risposta è stata: “carriole, basta spingerle”.

Come Gruppo Suolo Europa e Forum SIP non ci sentiamo “contrabbandieri”, ma sicuramente spingiamo quotidianamente la nostra “carriola” che contiene la visione di creare il Forum Europeo per Salvare il Paesaggio e Difendere il Territorio. Per questo continuiamo a cercare il contatto con coloro che usano il suolo senza preoccuparsene. Non si tratta di scendere a “compromessi”, ma di capirsi. Nella nostra “carriola” si stanno accumulando molti documenti che contengono le singole posizioni dei vari attori interessati. Descrivendoli cerchiamo di sottolineare i punti salienti, compresi quelli che a nostro avviso si possono ritenere come punti deboli. Continua a leggere “Parere del CESE su Utilizzo del suolo”

Testo della proposta di legge del Forum SIP in francese

La proposta di direttiva presentata dalla Commissione europea nel 2006 non ha mai superato gli ostacoli frapposti dagli Stati membri e dalle relative corporazioni a difesa di precisi interessi di parte. Nel 2014, l’allora Commissario europeo all’ambiente decise di ritirarla per poterne presentare una nuova, ma pochi mesi dopo la nuova Commissione tuttora in carica ha bloccato qualsiasi iniziativa che riguardi l’ambiente.

Anche il settore dell’associazionismo che si batte per la natura, sul suolo ha fallito. Nel 2017 People4soil, l’iniziativa dei cittadini europei, è riuscita a raccogliere solo 200.000 firme sul milione necessario.

Continua a leggere “Testo della proposta di legge del Forum SIP in francese”

Fatti non parole!

Ci è stato “rimproverato” di aver parlato nel Bollettino precedente dell’International Forum on Food & Nutrition e non ad esempio del Forum for Future of Agricolture (FFA) che si è tenuto a Bruxelles il 27 marzo 2018. Assicuriamo che non siamo stati sollecitati dalla Barilla BCFN. Abbiamo trovato che il documento finale con le raccomandazioni per una nuova PAC basata anche sull’alimentazione fosse un passo concreto che valorizzava i dibattiti e gli interventi del convegno del 6 giugno.

Però lo confessiamo: non abbiamo più l’energia per assistere a convegni/passerelle ove sul palco si alternano a rotazione i rappresentanti delle organizzazioni internazionali e/o europee, preceduti magari da qualche regina o principe o capo di stato.

Fiumi di parole autoreferenziali che raccontano, raccomandano, consigliano e poi … ci si dà appuntamento al prossimo anno ad un nuovo meeting dove magari si può ricominciare daccapo. Continua a leggere “Fatti non parole!”

Proposta di Legge AC 63 !!!

Non è stato necessario aspettare l’insediamento del nuovo Governo italiano! Una volta entrati in carica i due rami del Parlamento, la Proposta di Legge AC 63 della Camera dei deputati italiani è stata ufficialmente iscritta a ruolo. Il titolo è “Disposizioni per l’arresto del consumo di suolo e per il riuso dei suoli edificati”. Il testo … è quasi esattamente quello della Proposta preparata del Forum SIP e resa pubblica a fine gennaio!
Continua a leggere “Proposta di Legge AC 63 !!!”

…. Andiamo a cominciare

Come accennato in precedenti articoli ci stiamo muovendo come Gruppo Suolo Europa del Forum SIP per concretizzare due obiettivi: dialogo tra i differenti attori che usano o si occupano del suolo; sinergie tra le varie associazioni della società civile che non hanno il suolo tra le loro principali preoccupazioni.

Il primo obiettivo deve abbattere pregiudizi ed arroccamenti per costruire, se non proprio fiducia, almeno rispetto reciproco. Il secondo è molto spesso bloccato dalla struttura delle stesse associazioni della società civile.

Sono comunque ambedue obiettivi difficili da raggiungere e che necessitano di tempo. Ricordiamo che il parametro “tempo” per essere sostenibile deve essere rispettato e non può essere artificialmente “compresso”. Lo dimostra anche il fallimento della raccolta del milione di firme per l’ICE sul suolo people4soil che forse non ha rispettato proprio questo parametro.

Cosa induce una ONG o una associazione a non poter cooperare con un’altra associazione? Tanti motivi, a cominciare dalla carenza di fondi e di organici, cui s’aggiunge la dispersione in piccole e medie associazioni difficilmente collegate o collegabili, nonostante i moderni mezzi di comunicazione. Vi è poi il carattere di volontariato e di precarietà che induce ad un continuo turnover di responsabili e di persone. Se si guarda poi alla crisi economica e alla conseguente situazione di carenza di posti di lavoro, le attività nell’associanismo a volte “rimpiazzano” la disoccupazione …

Continua a leggere “…. Andiamo a cominciare”

Forum SIP: Nessun dorma …

Dopo la pubblicazione della Proposta di Legge del Forum, si sono tenute assemblee, riunioni, dibattiti e discussioni in varie città italiane. Siamo però di fronte ad una situazione politica purtroppo ancora incerta. Il programma del prossimo Governo è una lista di intenzioni positive e il suolo vi è espressamente e lungamente menzionato (Capitolo 4 – Ambiente, green economy e rifiuti zero) e con dovizia di particolari. Alcuni punti riprendono i concetti presenti nel testo della proposta di legge del Forum SIP.

Possiamo forse rallegrarcene, ma non possiamo sperare che da sola l’iniziativa politica si faccia carico di varare una nuova legge sul suolo. Non è avvenuto finora e non avverrà se la società civile non si appropria dei principi di salvaguardia di suolo territorio e paesaggio presenti nella proposta di legge del Forum. Continua a leggere “Forum SIP: Nessun dorma …”

…. Informazione sotto silenzio – 2° Avvertimento degli Scienziati

Non ha attirato l’attenzione dei media mondiali il secondo appello di scienziati ed accademici sullo stato del pianeta. Eppure oltre 15.000 di loro di 184 nazioni hanno sottoscritto il “Secondo Avvertimento” per mettere in guardia circa i rischi per l’umanità. A quanto pare in Italia ci possiamo sentire scusati, essendo troppo occupati a seguire l’esclusione dai mondiali di calcio e l’accidentato percorso per elezioni e formazione del nuovo governo …

Questo è il secondo Avvertimento, il primo del 1992 era stato firmato da “soli” 1700 scienziati. Ma già allora veniva allertato il mondo intero circa il degrado delle risorse naturali. Il nuovo appello è ancora più agghiacciante. La lista dei problemi da affrontare lo evidenzia in maniera tanto sintetica quanto drammatica: Continua a leggere “…. Informazione sotto silenzio – 2° Avvertimento degli Scienziati”