3a Assemblea Elettronica del Gruppo Suolo Europa 10 – 11 febbraio 2017

Il fine settimana del 10 e 11 febbraio si terrà la terza Assemblea Elettronica del gruppo di lavoro Suolo Europa (GSE) del Forum SIP. È un incontro “virtuale” perché lo si fa solo con scambi di email. A chi vi partecipa si chiede di essere “presente” guardando più volte il proprio computer o tablet o telefono e reagendo alle sollecitazioni.

Ne abbiamo già fatto l’esperienza nelle due precedenti riunioni, contiamo quindi di avere acquisto una certa “pratica”.

Il programma di lavoro definito nell’Assemblea del 2017 aveva un “respiro” pluriannuale. Quest’anno, oltre al resoconto dei risultati ottenuti con le azioni intraprese rispetto agli obiettivi definiti, l’Assemblea si propone una verifica e aggiornamento del programma con la definizione delle azioni per il 2018.

Naturalmente l’Assemblea è aperta a tutti coloro che vi vorranno partecipare, basta richiederlo con un email a suolo.europa@gmail.com scrivendo nell’oggetto “Nome Cognome – Partecipazione Assemblea Elettronica GSE”.

Annunci

Dialogo sociale europeo per costruzioni sostenibili

Durante tutto l’anno che è appena terminato il Gruppo Suolo Europa a nome del Forum SIP ha attivato contatti e sollecitato istituzioni al fine di effettuare incontri e dibattiti con i vari attori sociali e istituzionali che si occupano del suolo. Alcuni degli interlocutori contattati sottolineavano che il dibattito era già in corso e che rappresentanti della Società Civile e di quelli delle Costruzioni avevano già stabilito delle Linee Guida.

I nostri interlocutori si riferivano sia alla Comunicazione della Commissione europea al Parlamento e al Consiglio, dal titolo ” Strategia per la competitività sostenibile del settore delle costruzioni e delle sue imprese” (COM-2012-433 del 31/07/2012), che al progetto finanziato sempre dalla Commissione europea: BROAD – Building a Green Social Dialogue.

Il primo documento è un testo di riferimento per politici e governi degli Stati membri dell’UE.

Articola diverse raccomandazioni legate ad un mercato edilizio in cui le imprese e i lavoratori edili devono risolvere problemi quali la carenza di lavoratori qualificati, la scarsa attrattività che il comparto esercita sui giovani a causa delle condizioni di lavoro, la limitata capacità di innovazione e il fenomeno del lavoro sommerso. Il tutto è stato formulato in un momento in cui la crisi economica e finanziaria erano nel loro momento più critico. Quindi le opzioni erano tutte orientate a rialzare le attività del settore delle costruzioni in termini di investimenti, capitale umano, requisiti ambientali, regolamentazione e accesso ai mercati. Continua a leggere “Dialogo sociale europeo per costruzioni sostenibili”

5/12 Giornata Mondiale del Suolo all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles

La Giornata Mondiale del Suolo ha visto varie celebrazioni classiche un po’ in tutto il mondo.

Per “classiche” intendiamo riunioni di esperti, discorsi ufficiali, video di pragmatica, …

L’evento “Il suolo e` vita ” che si è tenuto all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles ha proposto un approccio diverso. All’analisi delle tematiche relative al suolo (scarsità, cementificazione, accaparramento, speculazione, …) si sono presentate soluzioni tangibili e concrete, create da giovani che si prendono cura effettivamente del suolo. Il tutto, in un quadro di serenità e allegria condotto in modo da toccare e capire i problemi, senza necessariamente doversi angosciare. Il conduttore e gli attori (professionisti e amatoriali) hanno saputo inanellare le varie tematiche, mantenendo alta l’attenzione e del pubblico e degli allievi della scuola europea presenti. Questi ultimi hanno raccolto ed elaborato le risposte a tre domande: “Che terra pesti? Che terra pesteresti? Che terra non vorresti mai pestare?”. La loro analisi è stata presentata sul palco a conclusione della serata.

Tutti sono stati capaci bravi ed efficaci. Il pubblico è restato fino alla fine delle due ore di performance interattiva. L’obiettivo di avvicinarsi alla complessità del suolo e di capire che il “Suolo è vita!” è stato pienamente raggiunto. Con gli allievi inizia un cammino di riflessione che, gestito congiuntamente con i loro professori anch’essi presenti all’evento, potrà continuare nei prossimi mesi.

Da questa esperienze possiamo affermare che emergono almeno tre lezioni importanti: Continua a leggere “5/12 Giornata Mondiale del Suolo all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles”

Natura Europea al Plurale

“Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”. Di fronte ad un degrado costante e impietoso dell’ambiente, di fronte ad un arretramento politico sull’importanza della salvaguardia ambientale, di fronte al negazionismo in merito al cambiamento climatico … necessitano forti “scosse” adrenaliniche che riaccendano la speranza e la voglia di cambiare.

Ci hanno provato gli olandesi a smuovere le acque. Il rapporto “European Nature in the Plural. Finding common ground for a next policy agenda” (“Natura europea al plurale. Trovare un terreno comune per una prossima agenda politica”) è stato pubblicato recentemente e vuole sollecitare i governi dell’Unione Europea a costruire un nuovo referenziale a protezione della natura accompagnandolo con un maggiore impegno politico. Il rapporto si concentra sulla diversità biologica e sulla protezione della natura per contribuire al rinnovamento dell’attuale legislazione europea al di là del 2020. Naturalmente il suolo e la sua biodiversità ne fanno parte integrante. Continua a leggere “Natura Europea al Plurale”

Il suolo è vita – Giornata Mondiale del Suolo a Bruxelles

Il suolo è sempre considerato materia per specialisti. La sua “Giornata Mondiale” vede un susseguirsi di iniziative celebrative praticamente tra i … soli “addetti ai lavori”.

Il Forum SIP con il suo Gruppo Suolo Europa ha scelto un approccio diverso. Presentare il suolo a tutti coloro che non ne hanno sentito parlare utilizzando linguaggi e mezzi di comunicazione chiari (vedi foto nel frontespizio).

Grazie alla disponibilità e al supporto dell’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles (IIC) si è potuto mettere in piedi un evento basato su racconti, video, musiche, esperienze. Tra attori professionisti, ricercatori, volontari e attori amatoriali, oltre dieci persone si alterneranno sul palco del teatro dell’IIC. Anche gli spettatori saranno sollecitati ad interagire. Si tratta di comunicare riflettendo e ridendo, senza continuamente ripetere messaggi catastrofici bensì cercando di indicare le opzioni possibili. Per questo l’evento è strutturato in due parti: la descrizione della problematiche legate al suolo, l’illustrazione di possibili soluzioni per altro già esistenti ma poco o affatto conosciute. Quest’ultima parte è affidata proprio a giovani che sperimentano un tipo d’agricoltura rispettosa del suolo e della sua fertilità.

Se qualcuno dei lettori fosse a Bruxelles il 5 dicembre alle 19.00 è il benvenuto all’IIC !

Maggior dettagli https://goo.gl/kfNsF4

Programma dell’evento https://goo.gl/FNc6CG

Creare sinergie e dialogo

Uno degli obiettivi che il Forum SIP persegue col suo Gruppo Suolo Europa (GSE-SIP) è di stabilire contatti con associazioni e rappresentanze della società civile per creare una rete di associazioni, istituzioni e persone che in Europa possano convergere sul comune obiettivo di salvaguardare e proteggere il suolo per le presenti e future generazioni. In questa ottica contatti sono presi informalmente con persone e gruppi interessati nei vari stati membri dell’UE, con l’obiettivo di verificare disponibilità e possibilità di convergenza.

Precisiamo che ci rivolgiamo prioritariamente a quelle associazioni o gruppi che non hanno il suolo tra le loro preoccupazioni. Mentre con quelle che già se ne occupano, cerchiamo di identificare opportunità e sinergie.

Una delle azioni in corso è creare un dialogo con chi usa il suolo, ma non se ne preoccupa, come ad esempio costruttori e promotori immobiliari. I contatti sono delicati, perché si teme che la nostra proposta porti al solito confronto conflittuale cui i diversi attori sono regolarmente sottoposti. Questa è una delle ragioni per cui, da alcuni mesi il GSE-SIP ha preso contatto col Comitato Europeo Economico e Sociale (vedi articolo del 16 ottobre 2015) al fine di ottenere una sede neutra di confronto tra i diversi attori interessati. Oltre alla disponibilità di un luogo, occorre stabilire quel rapporto di trasparenza e rispetto necessario a instaurare un dialogo franco.

Questa rubrica, da ora in poi, cercherà di informare sulle iniziative e contatti per la concretizzazione degli obiettivi sopra citati.

Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens

Il 18 ottobre si è tenuta al Parlamento Europeo, organizzata dai Greens-EFA, una giornata di analisi e riflessione su come nutrire il pianeta lottando alla radice della fame (How to really feed the world? Fighting hunger at the root). Alla presenza di circa 150 partecipanti (agricoltori, agronomi, studenti, giornalisti, parlamentari), si sono tenute due sezioni. La mattinata è stata riservata all’uso dei pesticidi, il pomeriggio alla rivisitazione della politica agricola comune.

Nella sezione del mattino si sono affrontati principalmente: gli effetti dei pesticidi sul diritto all’alimentazione, l’azione Stop al glifosato, la manipolazione di dati e informazioni da parte delle multinazionali chimiche. Si sono ascoltate le azioni e le proposte da parte dell’associazionismo per l’eliminazione del glifosato con indicazioni di metodi alternativi al suo uso (rapporto del Pestide Action Network) e anche le indicazioni, le azioni e le raccomandazioni di alcuni agricoltori (tramite lo specifico video “A Herbicide Free Future“). Continua a leggere “Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens”

People4Soil: … dall’ironico al ridicolo …

Gli Stati membri dell’UE non hanno legislazioni nazionali valide per la protezione dei suoli. Senza un “ombrello” europeo comune, alias una specifica direttiva con limiti e obblighi, ogni Stato membro produrrà legislazioni parziali, insufficienti o anche penalizzanti per il suolo.

Creare un quadro di riferimento comune era la principale motivazione dell’Iniziativa dei Cittadini Europei people4soil.

Dopo il non raggiungimento del quorum, ci attendevamo un’analisi da parte del comitato organizzatore sulle ragioni del fallimento della raccolta del milione di firme.

Invece, in Italia il fallimento è trasformato in “gioia”. Continua a leggere “People4Soil: … dall’ironico al ridicolo …”