Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens

Il 18 ottobre si è tenuta al Parlamento Europeo, organizzata dai Greens-EFA, una giornata di analisi e riflessione su come nutrire il pianeta lottando alla radice della fame (How to really feed the world? Fighting hunger at the root). Alla presenza di circa 150 partecipanti (agricoltori, agronomi, studenti, giornalisti, parlamentari), si sono tenute due sezioni. La mattinata è stata riservata all’uso dei pesticidi, il pomeriggio alla rivisitazione della politica agricola comune.

Nella sezione del mattino si sono affrontati principalmente: gli effetti dei pesticidi sul diritto all’alimentazione, l’azione Stop al glifosato, la manipolazione di dati e informazioni da parte delle multinazionali chimiche. Si sono ascoltate le azioni e le proposte da parte dell’associazionismo per l’eliminazione del glifosato con indicazioni di metodi alternativi al suo uso (rapporto del Pestide Action Network) e anche le indicazioni, le azioni e le raccomandazioni di alcuni agricoltori (tramite lo specifico video “A Herbicide Free Future“). Continua a leggere “Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens”

Annunci

People4Soil: … dall’ironico al ridicolo …

Gli Stati membri dell’UE non hanno legislazioni nazionali valide per la protezione dei suoli. Senza un “ombrello” europeo comune, alias una specifica direttiva con limiti e obblighi, ogni Stato membro produrrà legislazioni parziali, insufficienti o anche penalizzanti per il suolo.

Creare un quadro di riferimento comune era la principale motivazione dell’Iniziativa dei Cittadini Europei people4soil.

Dopo il non raggiungimento del quorum, ci attendevamo un’analisi da parte del comitato organizzatore sulle ragioni del fallimento della raccolta del milione di firme.

Invece, in Italia il fallimento è trasformato in “gioia”. Continua a leggere “People4Soil: … dall’ironico al ridicolo …”

Forum SIP: Incontro con la Categoria Agricoltori del Gruppo III del CESE

Uno degli obiettivi del Forum SIP è ottenere raccomandazioni condivise dai diversi attori per una nuova strategia per la protezione dei suoli nell’Unione Europea. Due sono le direttrici su cui ci si sta muovendo: a) rafforzare la comunicazione e i contatti in tutta Europa con le associazioni e organizzazioni della società civile che non hanno il suolo tra le loro priorità; b) stabilire un dialogo con gli altri attori interessati dal suolo (costruttori, agricoltori, pianificatori, amministratori, …).

Nell’ambito del secondo obiettivo, il Forum è stato invitato il 26 settembre a presentare la propria attività alla Categoria Agricoltori del Gruppo III del Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE). Si tratta di un secondo incontro al CESE, il precedente si è già tenuto come previsto il 21 giugno con la Categoria Ambiente e Consumatori.

Alla categoria Agricoltori non è stato necessario presentare il suolo né dare dettagli sul degrado e consumo dei suoli in Europa. Il dibattito questa volta si è concentrato sulla necessità di ottenere un paradigma comune ai diversi attori che si occupano del suolo. In tale quadro, si deve ritenere prioritario l’agricoltore che agisce e produce rispettando i diritti umani e di protezione dell’ambiente e non l’agricoltore che produce di più a costi inferiori. Il secondo infatti porta solo rischi sempre crescenti per la salute e condizioni di schiavitù per i lavoratori.

Ricordiamo che il CESE è il luogo da privilegiare per queste discussioni perché le varie categorie vi sono rappresentate.

La presentazione PowerPoint (in inglese) del rappresentante del Forum SIP si è concentrata su: Breve illustrazione del Forum SIP; Il suolo elemento fondamentale per la vita; Suolo = oro marrone; La dimensione europea del suolo; Necessità di agire in prima persona; Possibile Ruolo Specifico del CESE.

L’incontro è stato considerato positivamente dai membri della categoria ed è una prima presa di contatto. Vi è quindi disponibilità a seguire l’evoluzione delle azioni proposte dal Forum SIP.

Copia della presentazione in PDF è disponibile qui oppure su richiesta a suolo.europa@gmail.com.

People4Soil: Quorum non raggiunto

Il comunicato di people4soil del 20 settembre – qui allegato – informa che il quorum finale non è stato raggiunto. Si sono raccolte in totale 212.000 firme e solo in due stati membri (Italia e Irlanda) si è raggiunto il minimo previsto. La richiesta di inserire tra le priorità dell’Unione una direttiva europea sul suolo è stata comunque inviata al vicepresidente della Commissione. Come annunciato nel precedente Bollettino, il vero lavoro comincia ora. Possiamo e dobbiamo estendere la campagna di comunicazione con le associazioni e i gruppi che non si occupano di suolo, dobbiamo dialogare con chi usa il suolo senza preoccuparsene.

Proposta di legge di iniziativa popolare del Forum SIP

Una bozza di Proposta di legge d’iniziativa popolare preparata dal Forum SIP e riguardante le norme per il contrasto al consumo di suolo e per il riuso dei suoli urbanizzati è stata finalizzata!

Essa è stata trasmessa a tutti gli aderenti (le oltre 1.000 organizzazioni e le migliaia di soggetti individuali) per essere attentamente valutata e per raccogliere proposte migliorative.

Il lavoro ha visto l’impegno di 75 persone dello specifico Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico del Forum SIP. Continua a leggere “Proposta di legge di iniziativa popolare del Forum SIP”

People4Soil: siamo pronti: procediamo!

Ancora pochi giorni ed arriverà a scadenza l’anno per la raccolta delle firme per l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) people4soil.

Indipendentemente dal risultato, ora inizia il vero lavoro. Le istituzioni europee e i loro iter decisionali sono il principale ma non il solo obiettivo di questa ICE.

Lo sforzo effettuato per la raccolta delle firme è stato importante, le persone che si sono mobilitate rappresentano il capitale umano con cui innescare un radicale cambiamento di mentalità e di sensibilità in tutti i cittadini europei. Senza questo cambiamento qualsiasi direttiva o legge sarà sempre parziale e impotente di fronte al costante e crescente consumo di suolo. Legislazioni già esistenti in alcuni Stati membri hanno già mostrato i loro limiti, se non addirittura il loro fallimento nella messa in esecuzione. Continua a leggere “People4Soil: siamo pronti: procediamo!”

Campagna Stop Glifosato

La buona notizia: il quorum di 1 milione di firme per l’iniziativa dei cittadini europei (ICE) per il bando del glifosato e dei pesticidi tossici è stato raggiunto! Si tratta della 4a iniziativa ICE che si conclude raggiungendo l’obiettivo. Gli organizzatori hanno deciso di chiudere anticipatamente la data della raccolta delle firme per poter iniziare subito la procedura che obbligherà alla sua analisi da parte delle istituzioni europee.

Perché questa urgenza? Perché la Commissione Europea ha presentato la proposta – e questa è la cattiva notizia – di ri-autorizzazione del glifosato per ancora dieci anni. I ministri degli Stati Membri dell’UE ne stanno discutendo e a Bruxelles il 19 luglio sono stati accolti dalla manifestazione che Stop Glifosato ha organizzato nel cuore delle istituzioni europee.

La licenza per il glifosato, prolungata di 18 mesi nel 2016, sta per arrivare di nuovo a scadenza. Una prima votazione è prevista per l’autunno. Se vogliamo che il principio di precauzione sia rispettato, la società civile deve continuare a far presente alle istituzioni comunitarie di non assoggettarsi alla sola volontà delle società dell’industria chimica.

Partecipazione al National Soil Day del 4 luglio

Il National Soil Day si è concretizzato attraverso l’annunciata conferenza tecnico-scientifica alla presenza di molti rappresentanti italiani della tematica suolo territorio paesaggio. Il rapporto ISPRA ha fornito i dati aggiornati sul consumo di suolo – scaricabile gratuitamente.

La tavola rotonda non si è svolta come dibattito tra i partecipanti, ma piuttosto come illustrazione delle singole posizioni, senza controllo dei tempi d’intervento e senza interazione con i presenti nella sala.

Il Forum SIP ha sottolineato la necessità di allargare la base di partecipazione e sensibilizzazione per l’ottenimento di una massa critica capace di perseguire la difesa di suolo territorio paesaggio.

Si è trattato di un incontro di personalità e istituzioni che si sono scambiate osservazioni, dati, idee e soprattutto buone intenzioni, partendo però dalla considerazione che “fuori dalla sala sono tutti cattivi”.

La registrazione dell’intera giornata è disponibile su YouTube.