Missione

“Angeli del Suolo”

Nel 1966 Firenze fu sommersa da un’alluvione. Migliaia di giovani da tutt’Italia e da molti paesi del mondo si mobilitarono per ripulire la città e per salvare opere d’arte, libri e monumenti, molti dei quali sepolti dalla melma. Furono chiamati “Angeli del fango”. Da allora si usa chiamare così le persone che si attivano quando succedono simili catastrofi.

Cosa motivò gli Angeli del fango? Sicuramente la solidarietà, ma soprattutto la consapevolezza di dover contribuire a proteggere un patrimonio comune che appartiene all’umanità intera.

Oggi per il suolo abbiamo bisogno della stessa sensibilità per coinvolgere tutti – e in particolare le nuove generazioni – nell’impegno di proteggere suolo, territorio e paesaggio. Abbiamo bisogno di nuovi volontari, nuovi “angeli”: ci siamo permessi di chiamarli “Angeli del suolo”.

Di cosa possono occuparsi questi nuovi angeli?

Possono prendersi cura di:

  1. Proposta di direttiva europea basata su un’iniziativa popolare (ICE);
  2. Strumenti di comunicazione per diversi livelli (scolastici, politici, per responsabili decisionali, per imprenditori edili, per agricoltori, …);
  3. Piattaforma di comunicazione e d’informazione (per i media e per il grande pubblico);
  4. Preparazione di strumenti capaci di controllare le decisioni delle autorità locali (comune, provincia, e Regione);
  5. “Marcare” (nel senso sportivo del termine) gli eletti nei parlamenti nazionali ed europei (importante per il controllo democratico direttamente effettuato dalle organizzazioni della società civile);
  6. Realizzazione di strumenti specifici di comunicazione, come ad esempio social movie sul suolo e per l’Italia e per l’Europa creato con l’interazione via reti sociali;
  7. Organizzazione di incontri con le associazioni europee interessate, per la definizione di azioni comuni e le relative strutture di analisi/controllo compartecipate;
  8. Altre azioni identificate congiuntamente su proposta delle associazioni aderenti.

Non è più il momento di “delegare”! E’ necessario sconfiggere l’apatia e il silenzio che sono calati in Europa e in tutti i suoi Stati Membri sull’argomento della protezione del suolo.

Bisogna sporcarsi le mani col nostro suolo! Fare da soli o in due o in gruppo o tutti assieme, e senza aspettare indicazioni o sollecitazioni esterne. Parlare del problema ad un familiare, ad un collega o al vicino, già mostra che anche il lavoro individuale è utile. Molti piccoli ruscelli fanno un grande fiume…

Ciascuno, italiano o europeo che sia, può diventare un Angelo del Suolo e concorrere a concretizzare le iniziative descritte. Gli Angeli non rappresentano le loro associazioni, agiscono individualmente, domandandosi cosa fare in concreto: soluzioni, non parole o statistiche.

Questo sito web e il Bollettino degli Angeli del suolo sono alcuni degli strumenti creati per iniziare questo cammino comune.

Chiediamo alle persone sensibile a questa tematica, in Italia e nell’Unione Europea, di muoversi insieme per conoscersi e condividere ciò che ognuno sta facendo per preservare il suolo per le generazioni presenti e future.

Abbiamo bisogno di superare le difficoltà legate a diverse lingue, culture e modi di vivere. Dobbiamo definire quale delle suddette proposte vogliamo realizzare e proporre altre misure che riteniamo opportune per raggiungere gli obiettivi condivisi.

Dobbiamo creare opportunità di dialogo con tutti gli attori del suolo, compresi quelli che attualmente sono a favore del consumo del suolo e della limitazione della sua fertilità.

In altre parole, stiamo chiedendo a tutte le persone interessate di indicare – comunicando l’un l’altro – come salvare ciò che resta del terreno in ogni nazione e in tutta Europa.

Se volete aderire a questa nostra sollecitazione manifestatevi come singoli attori, scrivendo asuolo.europa@gmail.com

 Con grande stima ed amicizia

Il Gruppo Suolo Europa del Forum SIP

Per saperne di più sugli elementi base da sottoporre alle organizzazione della società civile clicca qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...