Raccomandazioni dai Professionisti per l’Italia e dall’ASviS

Ammettiamolo: chi si occupa di suolo, paesaggio e territorio spesso si sente una Cassandra che parla nel deserto. Invece, ogni tanto si scopre che c’è qualcuno che ha “ascoltato” e ha fatto propri alcuni dei principi e valori proferiti.

Abbiamo letto con piacere il documento che il Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali (CUP) e la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) hanno presentato alla stampa e ai rappresentanti delle professioni lo scorso 21 febbraio. Il documento si intitola: Professionisti per l’Italia – Idee per la modernizzazione del paese.

Undici sono le tematiche da loro proposte. Attiriamo l’attenzione sulle seguenti: Continua a leggere “Raccomandazioni dai Professionisti per l’Italia e dall’ASviS”

Annunci

Proposta legge del Forum per fermare il consumo del suolo

Pubblicata un mese prima delle elezioni politiche italiane, ripresa da giornali e media, la proposta di legge del Forum ha attirato l’attenzione del mondo politico e mediatico.

Come già accennato nel Bollettino precedente, la proposta di legge del Forum ha valore universale ed è valida per un contesto ben più vasto che non la sola Italia.

La sua presentazione ufficiale è avvenuta il primo marzo a Roma nella sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica dell’Istituto della Enciclopedia Italiana – Treccani.

Qui la registrazione video dell’evento de 1° marzo, suddivisa per interventi e accessibile anche direttamente dal sito di Salviamo il Paesaggio in cui è inoltre possibile trovare una sezione specifica con diversi documenti di approfondimento sulla Proposta di Legge.

Clausola di arbitraggio internazionale – incompatibile con l’UE !

Nel passato ci siamo già occupati della clausola di arbitraggio internazionale indicandola come l’ulteriore meccanismo inventato a protezione delle multinazionali dalle politiche a difesa dei diritti umani e dell’ambiente. Tale meccanismo è stato ora definito come incompatibile col diritto europeo dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CJUE).

La sua sentenza del 6 marzo 2018 ha chiarito che “la clausola compromissoria contenuta nel trattato bilaterale sugli investimenti pregiudica l’autonomia del diritto dell’UE e non è quindi compatibile con esso.”  Questa è la prima volta che la Corte si pronuncia sul meccanismo di regolamentazione delle controversie tra compagnie investitrici e Stati. Continua a leggere “Clausola di arbitraggio internazionale – incompatibile con l’UE !”

Economia Circolare

È un momento “positivo” per il rilancio dell’economia circolare nell’Unione Europea. Nell’arco di poche settimane si è vista la preparazione di una specifica risoluzione del parlamento europeo, l’approvazione della tanto attesa strategia per la plastica, una comunicazione riguardante soluzioni possibili alle questioni che emergono all’interfaccia tra i testi legislativi relativi alle sostanze chimiche, ai prodotti e ai rifiuti. Il tutto scaturito dal rapporto della Commissione Europea sull’attuazione del piano d’azione per l’economia circolare del gennaio 2017 (COM 2017-33 final).

A ciò s’aggiungono conferenze riunioni dibattiti. Menzioniamo solo: la conferenza del 20-21 febbraio a Bruxelles quale riunione della piattaforma delle parti interessate all’economia circolare; la Terza Conferenza sui cambiamenti circolari – Sviluppo di tabelle di marcia economiche circolari (Third Circular Change Conference – Unfolding Circular Economy Roadmaps) in Slovenia il prossimo 10 e 11 maggio[6].Serve tutto ciò? Sicuramente, nel lungo termine. Necessitano però impegno e coinvolgimento delle varie istituzioni locali e comunali per poter arrivare alle persone. Il rischio è il disinteresse e la non partecipazione col la messa in opera di un reale controllo democratico da parte dei singoli e dei gruppi. Senza il loro coinvolgimento il suolo continuerà ad essere il contenitore di tutte gli elementi più inquinanti prodotti dall’attività umana. L’utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura e i valori di concentrazione ammissibili dei fanghi pesanti, restano temi principali in materia di protezione del suolo e di sicurezza alimentare. La cosiddetta “Terra dei Fuochi” in Italia ne è un esempio inequivocabile e sfortunatamente non più isolato. Un’economia circolare non può basarsi solo sulla buona volontà.

La gestione sostenibile degli spazi verdi nelle aree urbane

Lo scorso 27 Febbraio si è tenuto il Webinar[1]La gestione sostenibile degli spazi verdi nelle aree urbane”. Si tratta del primo appuntamento formativo organizzato da PAN Europe nell’ambito della campagna “Città Libere dai Pesticidi”. PAN Europe è una ONG con sede a Bruxelles impegnata dal 1987 nella lotta contro l’utilizzo dei pesticidi chimici (vedi presentazione del PAN Europa nel Bollettino n. 40 del 1 ottobre 2017).

La Rete Europea delle Città Libere dai Pesticidi è il progetto PAN che nasce con l’obiettivo di riunire una massa critica di Comuni impegnati ad eliminare l’uso degli antiparassitari e fornire una piattaforma europea all’interno della quale condividere esperienze, pratiche e conoscenze, ricevendo un supporto reciproco. Continua a leggere “La gestione sostenibile degli spazi verdi nelle aree urbane”

Iniziativa 4 per 1000: Workshop a porte chiuse con potenziali investitori

L’8 febbraio 2018 si è tenuto un workshop a Londra, ospitato dal Centro Hoffmann per l’economia delle risorse sostenibili, e organizzato congiuntamente da The Nature Conservancy, Cornell University e 4 per 1000 Initiative.

L’evento, la cui partecipazione era solo su invito, ha affrontato la possibilità di creare sinergie tra potenziali investimenti e l’azione di stoccaggio / sequestro del carbonio organico nel suolo. Si è cercato cioè di creare una maggiore comprensione dei risultati scientifici che si occupano del carbonio nel suolo per responsabili – pubblici e privati – delle decisioni di vari settori economici.

Questo incontro si è effettuato secondo la regola del Chatham House che prevede di lasciar esprimere liberamente i partecipanti senza registrazione di cosa è stato detto e di chi lo ha detto. Solo il documento finale contente il risultato del dibattito viene reso pubblico. Continua a leggere “Iniziativa 4 per 1000: Workshop a porte chiuse con potenziali investitori”

Newsletter n. 45

A sign at the entrance of a forest reads:

“Animals don’t soil the forest, but humans do. We kindly ask you to behave like the animals.”

 

16/03/2018

1.EXPERIENCES: We welcome the law proposal to halt land consumption!

2.NEWS FROM THE SIP FORUM:

3.NEWS ON SOIL AND EUROPEAN INSTITUTIONS: Implementation of the directive on environmental liability

4.WE ARE NOT ALONE!:

We welcome the law proposal to halt land consumption!

After 13 months of work involving over 75 people in the drafting, and a wide-ranging consultation and review, the SIP forum is tabling its law proposal to halt soil consumption. The document describes the dire situation of Italy in this respect and sets out, in 10 articles, the necessary steps that lie ahead should Italy wish to solve the problem.

We invite everyone to give it a thorough read particularly article 8, which underlines the social principle of property as provided for by the Italian constitution. Furthermore, also the German Constitutional Court more recently mentions this principle when it ruled that the agricultural lands have priority to produce food before any other aims.

Please find a link to the law proposal and let us remind you that the signature gathering process for the presentation of the law proposal to the Italian Parliament will soon begin.