English

The GSP’s  Global Soil Doctors Programme

The GNDE seeks to provide a blueprint for a society that is inclusive and compatible with the limits of nature. Some aspects of it need to be improved, especially when we talk about the soil. We are therefore contributing to this effort by providing information on one of its initiatives, which shows how to improve farmers’ awareness of the need to protect soil fertility.

The Global Soil Partnership (GSP) was established in 2012 as a mechanism to develop a strong interactive partnership, as well as enhanced collaboration and synergy of efforts, between all stakeholders involved with soils. The GSP therefore created the Global Soil Doctors programme to promote the establishment of a farmer-to-farmer training system. This is the core of the GSP’s communication effort by transferring the correct information on soil management to the right people:  farmers, and through them, other farmers.

The Global Soil Doctors Programme aims to build farmers’ capacity in the practice of sustainable soil management. In this way, it supports governmental agencies and organizations working on agricultural training for farmers. Training will be based on the establishment of demonstration areas and experimental fields by the Soil Doctors. This programme ultimately also aims to help farmers understand the principles of soil science leading to sustainable soil management practices. To achieve this, the farmers receive a set of tools including educational materials, an explanation of soil testing methods (STM) and a soil testing kit (STK) for preliminary soil analyses.

The programme is open to updates on the methods for assessing soil parameters in the STM, and to contributions for the development of new educational materials based on regional or local needs. For this reason there are strong links with universities and soil researchers.

The programme is developed as a two-way learning and exchange process in which the GSP provides countries with an initial set of tools for distribution to farmers, followed by the countries providing the GSP with feedback on the programme, building on practical experiences and local knowledge. In this way, countries that only recently joined the programme and were not involved in its development can still provide the GSP with their input and contribute to the programme’s further development.

Pubblicità
English

EEB Report on carbon farming for the climate, nature and farmers         

We remind readers that the European Environmental Bureau (EEB) is Europe’s largest network of environmental citizens’ organisations. Its report Carbon farming for climate, nature, and farmers – Policy Recommendations, published on 21 October, deals with the subject of organic carbon in relation to the climate from the starting position that “Soils are at the heart of the climate and nature crises”.

In our view this document could form an integral part of the GNDE report, in order to complete the environmental aspects which currently receive insufficient coverage. We therefore invite the EEB and the GNDE’s compilers to meet and talk, if they haven’t already, and then to get in touch with the 4per1000 Initiative.

Below are some points from the summary of the EEB’s report that we regard as crucial, but we invite you to read the whole document, at least the version dedicated to the decisions recommended to politicians.

“The new focus on soil carbon in the EU through the “carbon farming” initiative presents opportunities to drive a new positive agenda for soils, with benefits for climate, but also for biodiversity, farm profitability, and resilience, provided the right policy and regulatory framework is in place. This will require, first, to clarify the meaning and scope of carbon farming. The EEB defines carbon farming as land management practices which reduce GHG emissions and increase the sequestration and storage of carbon in soils and vegetation. To do so while also benefitting biodiversity, water, and farmers’ livelihoods, carbon farming must adopt a holistic approach towards healthy soils and healthy ecosystems, grounded in the framework of “nature based solutions”.

That means rewetting and restoring drained organic soils (peatlands); managing grasslands in nature-inclusive ways; massively re-integrating trees in agricultural landscapes; and adopting agroecological, or regenerative, farming practices on arable land. Deploying these win-win-win solutions could turn agricultural land into a large carbon sink by 2050, while also restoring biodiversity and helping farmers adapt to climate change.”

“… we call on the EU to:

1. Ensure carbon delivers nature-based solutions, benefitting climate, biodiversity, and rural communities.

2. Set legally-binding targets on climate, nature, and soils.

3. Establish mandatory baselines, monitoring systems, and safeguards.

4. Develop a coherent policy mix of effective incentives, mobilising private and public funding strategically.

5. Invest in the enabling factors for behavioural change: knowledge, culture, and infrastructure.”

More info here: https://eeb.org/library/105401/ https://eeb.org/library/carbon-farming-policy-recommendations-to-deliver-win-win-wins-for-climate-nature-and-farmers/

Forum SIP

Rapporto EEB su agricoltura del carbonio per clima, natura e agricoltori

Ricordiamo che l’European Environmental Bureau (EEB) è la più grande rete delle organizzazioni ambientalistiche europee. Il suo rapporto sull’agricoltura del carbonio per il clima, la natura e gli agricoltori, pubblicato il 21 ottobre scorso, affronta la tematica climatica del carbonio organico partendo dall’assunto che “I Suoli sono al cuore delle crisi del clima e della natura”.

A nostro avviso questo documento potrebbe far parte integrante del rapporto GNDE, per completarne gli aspetti ambientali, non sufficientemente coperti. Invitiamo pertanto e l’EBB e gli estensori del GNDE, se ancora non lo avessero fatto, a … parlarsi e incontrarsi, per poi contattare insieme l’Iniziativa 4per1000.

Riportiamo qui alcuni punti della sintesi del rapporto dell’EEB che riteniamo significativi, ma invitiamo a leggere l’intero rapporto, almeno la versione riservata alle decisioni consigliate alla politica.

“”La nuova attenzione al carbonio nel suolo nell’UE attraverso l’iniziativa “agricoltura del carbonio” offre opportunità per guidare una nuova agenda positiva per i suoli, con benefici per il clima, ma anche per la biodiversità, la redditività delle aziende agricole e la resilienza, a condizione che la politica e le normative adeguate siano in atto. Ciò richiederà innanzitutto di chiarire il significato e la portata dell’agricoltura del carbonio. L’EEB definisce l’agricoltura del carbonio come l’insieme di pratiche di gestione del territorio che riducono le emissioni di gas serra e aumentano il sequestro e lo stoccaggio del carbonio nel suolo e nella vegetazione. Pur apportando benefici alla biodiversità, all’acqua e ai mezzi di sussistenza degli agricoltori, l’agricoltura del carbonio deve adottare un approccio olistico teso verso suoli sani ed ecosistemi sani, fondato nel quadro di “soluzioni basate sulla natura”.

Continua a leggere “Rapporto EEB su agricoltura del carbonio per clima, natura e agricoltori”
Forum SIP

GNDE (Società Civile) : COP OFF!

Molte sono le iniziative lanciate dalla società civile in concomitanza con la COP26. La maggior parte convergono a novembre su Glasgow. Tra le altre segnaliamo questa che si terrà tra il 14 e il 16 di novembre e che vedrà la partecipazione di Noam Chomsky, Yanis Varoufakis, Caroline Lucas con la parola d’ordine COP OFF!

Le motivazioni:

“Mentre l’orologio del nostro pianeta si avvicina alla mezzanotte, i leader mondiali sono pronti a convergere a Glasgow alla COP26 per trovare nuove scuse, nuovi obiettivi simbolici e nuovi modi per mettere a tacere le vere voci progressiste che si oppongono a loro.

Il cambiamento climatico è reale, è qui ed è un’emergenza. Ma la storia ci ha mostrato che coloro che avrebbero dovuto condurci fuori da questa crisi sono così accecati dal capitale e dai potenti interessi privati che hanno deciso che la Terra stessa è un piccolo prezzo da pagare per gli yacht, le ville, i jet privati e i profitti record dell’1%. Si riuniranno, si mescoleranno a cena e a bere, e predicheranno il loro impegno per obiettivi e traguardi insufficienti. E poi non riescono a soddisfare nemmeno quelli.”

L’evento vedrà la partecipazione di molti progressisti e sarà trasmesso on line: il primo giorno ci saranno due sessioni alle 18:00 e alle 20:00; mentre il secondo e il terzo giorno si avranno tre sessioni ciascuna alle 16:00, alle 18:00 e alle 20:00.

COP OFF: DiEM25’s Alternative Climate Conference, will be livestreamed on DiEM25’s

https://www.youtube.com/c/diem25official

English

GNDE as a great European Forum

We have been asked to repeat the aims of the GNDE. We would stress that we regard the GNDE as a great Forum in which the energies to bring about radical change in European environmental and social policies converge. Below is a short explanation.

“The Green New Deal for Europe is an international campaign for a swift, just, and democratic transition to a sustainable Europe. Founded in April 2019 by DiEM25, the Green New Deal for Europe campaign aims to unite Europe’s communities, unions, parties, and activists behind a shared vision of environmental justice.”

It means:

“Fighting for a swift transition away from fossil fuels that protects frontline communities, empowers workers, and redresses Europe’s historic role in resource extraction around the world.”

This is possible through four key steps:

  1. Crafting a shared vision

We are building a broad coalition of citizens, research organisations and civil society groups to contribute to a shared vision of Europe’s ecological transformation.

  • Building People Power

We are training a generation of activists to organise their communities, grow our movement, write for a public audience, and advance our shared vision in diverse communities across the continent.

  • Building Political Power

We are mobilising to disrupt business as usual, deploying our people power to advocate for our shared vision on the streets.

  • Constructing a new common sense

We are deploying our political power in the media, across all levels of government, and in our communities to shift the policy paradigm and build a new common sense.https://diem25.org/campaign/green-new-deal/

Forum SIP

La visione condivisa di giustizia e sostenibilità

GNDE – Società Civile  

Poche chiare parole danno il senso dell’azione GNDE per creare una nuova Europa basata sull’inclusione e sul rispetto dei limiti ambientali.

“Ci troviamo di fronte a una crisi climatica, ambientale e sociale e il tempo a nostra disposizione sta per scadere. Ma se ci uniamo dietro una visione condivisa di giustizia e sostenibilità, possiamo costruire un’Europa migliore per le generazioni future.

1 – Non abbiamo molto tempo.

2 – Sappiamo che l’Europa ha gli strumenti e le risorse per prevenire questa crisi.

3 – Siamo stati privati della voce per troppo tempo.

4 – Non accetteremo capri espiatori.

5 – Dobbiamo unirci, mobilitarci e chiedere un Green New Deal.

6 – Possiamo costruire insieme un’Europa democratica.

7 – Siamo con gli europei in tutto il continente

https://gnde.diem25.org/our-vision/

Forum SIP

Recovery PlanET

GNDE – Società Civile   https://report.gndforeurope.com/

C’è una netta dicotomia tra quello che è necessario fare per salvare il pianeta e quello che viene deciso dalle politiche proposte da coloro che noi stessi contribuiamo ad eleggere. Purtroppo il sano “buon senso” (per evitare gli ultra abusati termini sviluppo sostenibile e transizione ecologica) non entra nella logica del ragionamento politico. Parlare di fermare il vecchio sistema capitalista fondato sullo sfruttamento illimitato delle risorse naturali continua ad essere considerato blasfemia.

Eppure vi sono proposte e riflessioni che permettono di “ben sperare”. Invitiamo a leggere il documento Recovery PlanET redatto da molte persone che si sono affidate al buonsenso e sottoscritto già da oltre 1400 tra associazioni e singoli individui. Si tratta del piano – presentato il 6 marzo 2021 in una grande assemblea online – per uscire dalla attuale crisi sociale, ambientale, di democrazia. Si affida a poche chiare direttrici di marcia, che coinvolgono i fondamenti della nostra società, incorporandoli nel concetto base: creare una società della cura nel senso più ampio del termine.

Riportiamo qui un breve paragrafo dell’introduzione: “Le pagine che vi apprestate a leggere -un primo, importante passo, senz’altro non esaustivo – provano ad indicare un’altra prospettiva: non solo la critica dell’esistente, non solo la difesa di un diritto o di un bene comune, ma la sfida per un’alternativa di società, che contrapponga il prendersi cura alla predazione, la cooperazione solidale alla solitudine competitiva, il “noi” dell’eguaglianza e delle differenze all’“io” del dominio e dell’omologazione. Per questo si aprono con una riflessione eco femminista come chiave di lettura e nuovo paradigma per la fuoriuscita dall’economia del profitto e la costruzione di una società della cura. Dentro queste pagine troverete analisi, suggestioni e proposte concrete. A tutti noi il compito di trasformarle in azioni, lotte e mobilitazioni sociali.

Il futuro è troppo importante per consegnarlo agli indici di Borsa.”

La proposta ambisce a raccogliere le energie e creare sinergie tra i movimenti ambientalisti e del volontariato che continuano a muoversi in ordine sparso. Le dispute tra associazioni, gruppi, comitati, sono indice di vitalità e il riconoscimento che esistono molteplici strategie e sensibilità. Non puó però mancare l’obiettivo comune: la salvaguardia dell’ambiente incluso quello umano. Questo significa restare uniti e non disperdere forze, esperienze, sacrifici. Le associazioni che agiscono a livello nazionale ed europeo sono in difficoltà a livello locale e viceversa. Siamo quindi tutti complementari se capaci di ascolto e di comprensione.

È arrivato il momento per XR, FFF, GNDE, EEB (solo per menzionarne alcuni) di confluire in un grande movimento capace di imporre l’uso del “buon senso” nella nostra società attualmente votata all’autodistruzione. Non serve una supremazia o una guida unica, basta unire le forze per affermare il diritto a un futuro eco compatibile.

https://societadellacura.blogspot.com/p/recovery-planet.html

Forum SIP

GNDE (Società Civile) : La geopolitica del Green Deal

GNDE – Società Civile  https://report.gndforeurope.com/

È molto interessante osservare come di fronte allo stesso problema, pur partendo da punti di vista differenti, si arrivi a indicare percorsi simili o convergenti. Abbiamo sempre sottolineato l’importanza del documento Green New Deal for EU (GNDE), ora ci sembra che anche l’analisi prospettata da Bruegel e l’European Council on Foreign Relationships (pubblicata il 2 febbraio scorso) converga su alcune delle raccomandazioni presenti nel GNDE.

Invitiamo a leggere tutto il documento di Bruegel, di cui menzioniamo qui alcune delle azioni raccomandate:

“4. Diventare uno standard mondiale per la transizione energetica, in particolare per l’idrogeno e i green bond. Richiedere il rispetto di rigide normative ambientali come condizione per accedere al mercato dell’UE sarà un forte incoraggiamento a diventare “verdi” per tutti i paesi.

5. Internazionalizzare il Green Deal Europeo mobilitando il bilancio dell’UE, il Fondo dell’UE per la ripresa e la resilienza e la politica di sviluppo dell’UE.

6. Promuovere coalizioni globali per la mitigazione del cambiamento climatico, ad esempio attraverso una coalizione globale per il permafrost, che finanzierebbe misure per contenere il disgelo del permafrost.

7. Promuovere una piattaforma globale sulla nuova economia dell’azione per il clima per condividere le lezioni apprese e le migliori pratiche.”

Cosa ne pensano i nostri lettori?

Leonard, M., J.Pisani-Ferry, J. Shapiro, S. Tagliapietra and G. Wolff (2021) ‘The geopolitics of the European Green Deal’, Policy Contribution 04/2021, Bruegel Policy Contribution Issue n ̊04/21 | February 2021 The geopolitics of the European Green Deal Mark Leonard, Jean Pisani-Ferry, Jeremy Shapiro, Simone Tagliapietra and Guntram Wolff