A guide to social agriculture in the Lazio region (Italy)

The article on social agriculture in the previous newsletter caught some of our readers’ eye. We were forwarded a book published by the Lazio region, which contains important information on social agricultural communities in Lazio, starting with the famous Capodarco. The new version of the “Guide to Social Agriculture – Lazio” dates from 2015 and shows how much this practice has increased compared to 2011. Starting from 36 in the previous version, the current version presents a total of 96 established communities (not counting an extra 50 or so, who did not respond to the questionnaire). This shows that many young people have returned to agriculture. People who, perhaps due to the economic recession, make social agriculture into an occupation and at the same time are motivated to protect soil, land and values of a human and supportive society. Continua a leggere “A guide to social agriculture in the Lazio region (Italy)”

Annunci

Guida all’Agricoltura Sociale della Regione Lazio

L’articolo sull’agricoltura sociale del precedente Bollettino ha attirato l’attenzione di alcuni dei nostri lettori. Ci è stato segnalato il libro della Regione Lazio che raccoglie le informazioni più importanti delle comunità agricole sociali nella regione, a cominciare da quella storica di Capodarco. La nuova versione della “Guida dell’Agricoltura Sociale – Lazio” data 2015 e fotografa in 262 pagine il forte incremento rispetto alla precedente analisi del 2011. Dalle 36 realtà associative si è passati alle 96 della presente versione (un’altra 50na non ha risposto al questionario). Si consolida quindi quel ritorno all’agricoltura di molti giovani che, forse anche a causa della persistente crisi economica, trovano nell’agricoltura sociale un’attività e allo stesso tempo una forte motivazione per la tutela del suolo, dei territori e dei valori di una società più solidale ed umana. Continua a leggere “Guida all’Agricoltura Sociale della Regione Lazio”

Una Speranza per l’Europa!

Il 20 e il 21 giugno il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE), assieme al Comitato per Cultura e Educazione del Parlamento Europeo, ha organizzato l’interessante conferenza Una speranza per l’Europa!.  Numerosi i partecipanti, molto interessanti gli interventi provenienti da rappresentanti di istituzioni pubbliche e della società civile di molti paesi dell’Unione Europea.

Il punto di partenza di dibattiti e discussioni era il posto che la cultura[1] deve assumere per l’Unione Europea. La cultura non è separata dall’umanità, essa unisce persone, istituzioni, associazioni, nazioni. L’Unione Europea (UE) ne è forse l’esempio più evidente. Continua a leggere “Una Speranza per l’Europa!”