Forum SIP

Comitato No Bretella-Sì Mobilità Sostenibile

Torniamo a presentare le Associazioni o Comitati presenti nel Gruppo Suolo Europa. Ricordiamo di aver già presentato nei precedenti Bollettini: Comitato di Salviamo Il Paesaggio di Cislago, Pro Natura Cuneo, Amici di Cuirone.

Raccolte in poche righe trovate qui finalità, composizione, proposte del Comitato No Bretella-Sì Mobilità Sostenibile Campogalliano, Modena, Formigine, Sassuolo.

Nel 2015, cittadine e cittadini informati dei fatti e sensibili ai temi relativi all’ambiente, al consumo del suolo, alla mobilità sostenibile si sono riuniti in Comitato e hanno redatto il  testo di una petizione popolare da inviare alla Unione europea per denunciare l’inutilità trasportistica, il danno ambientale, paesaggistico, di consumo di suolo che il progetto della nuova autostrada Campogalliano Sassuolo in prosecuzione Sud della A22 avrebbe prodotto e l’illegittimità del rinnovo della concessione autostradale della A22 avvenuto senza gara europea. La realizzazione dell’autostrada Capogalliano Sassuolo e l’autostrada Cispadana con progetto di finanza, leader Autobrennero spa, era la motivazione con cui – nella legge obiettivo – si giustificava il rinnovo senza gara della Concessione già scaduta nel 2014.

Sono state raccolte 3200 firme e inviate al Commissario UE competente, che ha risposto solo in merito al rinnovo della concessione della A22, asserendo che l’atto di rinnovo senza gara era contrario ad una specifica Direttiva Ue e che si dichiarava fiducioso che il Governo Italiano non l’avrebbe violata (Direttiva che nel frattempo era stata recepita dal Parlamento Italiano).  Questo punto è stato decisivo per fermare l’iter già avviato per la realizzazione della Bretella CS e va considerato un successo del Comitato cui hanno progressivamente aderito le seguenti Associazioni e Comitati di cittadini: Legambiente di Modena e Sassuolo, Italia Nostra, WWF Emilia Centrale, lega per la difesa ecologica di Modena, Comitato Salute ambientale Campogalliano Mo, Associazione LiberaMente cittadino Formigine Mo, Comitato RespiriaMo Aria Pulita Mo, Comitato Agricoltura Ambiente Bagno Re, Associazione ISDE Mo, FIAB Mo, Rete Economia Sociale Mo.

Dopo una fase iniziale di denuncia dei danni ambientali, climatici, idrologici, paesaggistici, con l’aiuto di esperti, sono state studiate e proposte alternative più strategiche per affrontare il problema della logistica delle merci del Distretto ceramico, uno dei più grandi d’Europa. In tale modo si faceva fronte a problemi di congestione del traffico che in alcuni punti si determinava con soluzioni assai meno impattanti e costose.

 La situazione oggi è quella descritta nella lettera aperta qui allegata ed inviata recentemente alle istituzioni e all’opinione pubblica Modenese e Reggiana.

Maggiori info: Eriuccio Nora – Comitato No Bretella-Sì Mobilità Sostenibile nora.eriuccio@gmail.com

Forum SIP

Lettera ai membri delle Commissioni ENVI e AGRI del Parlamento europeo

Il Forum SIP continua a sollecitare l’attenzione del Parlamento europeo sull’importanza del suolo. Una lettera è stata inviata ai membri delle sue Commissioni ambiente (ENVI) e agricoltura (AGRI), in totale oltre 200 persone. Il testo originale è stato inviato in FR / DE / EN. Riportiamo qui la traduzione in italiano:

Dallo scorso dicembre 2019 la pubblicazione del Green Deal for Europe ha innescato un meccanismo di rilancio politico dell’intera problematica ambientale europea.

Nonostante le restrizioni dovute alla pandemia, la DG Ambiente – che segue il ritmo di scadenze previste dalla roadmap del Green Deal – ha già prodotto una serie di Comunicazioni ufficiali sulle tematiche ambientali.

 In questo nuovo contesto il suolo ha acquisito visibilità ed è chiaramente menzionato nella comunicazione sulla biodiversità con l’impegno di una nuova Proposta di Direttiva da produrre entro il 2021.

Ricordiamo che il suolo, elemento portante dell’ecosistema e fonte di vita, non è ancora tutelato da una specifica direttiva europea, pur essendo sempre più a rischio di degrado e di perdita. I rapporti ufficiali dell’Agenzia Europea dell’Ambiente riferiscono i dati più che catastrofici sulla perdita di suolo nelle sue varie forme.

Diventa così essenziale sviluppare un contesto comportamentale basato sull’importanza della protezione, del restauro e della conservazione del suolo contro la mentalità corrente dell’abuso che ancora troppo lo sottovaluta. Mantenere la qualità e la funzionalità del suolo si rivela fondamentale per concretizzare tutti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e per assicurare un avvenire dignitoso alle future generazioni. 

 Ora è il momento per le istituzioni comunitarie di riflettere, ripensare e rivisitare quanto va fatto per il suolo al fine di ottenere un piano scientificamente credibile che permetta la sua gestione sostenibile nonché un’agricoltura all’avanguardia e attenta alle questioni climatiche globali. Questo piano dovrà diventare il perno della futura proposta di direttiva sul suolo e dovrà poggiare su un preciso assioma: in ogni documento in preparazione non può mancare l’obbligo immediato di arresto di spreco di suolo. Tale indirizzo non comporta affatto il fermo del comparto dell’edilizia. Al contrario è l’unica prospettiva capace di coniugare la salvaguardia di aree di suolo con la vastissima attività settoriale indispensabile a recuperare, migliorare energeticamente, mettere in sicurezza l’immenso patrimonio edilizio obsoleto esistente, a proseguire con le opere di ammodernamento e ristrutturazione di edifici e abitazioni in città e borghi rurali così da favorire l’adeguamento tecnologico.

Però proteggere il suolo dall’uso incontrollato e dalle contaminazioni (estrazioni petrolifere, discariche abusive, mala-gestione dei rifiuti, …) e quindi dall’attuale trend negativo, sarà possibile solo con una comune assunzione di responsabilità basata sulla salute, qualità e disponibilità del suolo per una reale sicurezza alimentare; sull’accesso alla terra e la ricostituzione di una cultura agricola e dei suoli; su una riconsiderazione profonda dell’urbanizzazione e la crescita / riduzione delle città; su un ripensamento complessivo della mobilità e della relativa necessità infrastrutturale.

È pertanto essenziale che la nuova proposta di direttiva sul suolo scaturisca dal coinvolgimento, oltre che dei ricercatori e del mondo accademico, anche degli altri attori che si occupano di suolo: agricoltori, sindacati, costruttori, architetti e ingegneri, rappresentanti della società civile, esponenti del mondo produttivo, amministratori, paesaggisti, professionisti e naturalmente le istituzioni comunitarie.

 Come Forum Salviamo il Paesaggio abbiamo già sollecitato l’attenzione delle istituzioni comunitarie sull’importanza di salvaguardare il suolo per le presenti e future generazioni.

Ci rivolgiamo ora a lei in quanto membro o sostituto della Commissione ENVI / AGRI affinché possa agire direttamente per la creazione di un contesto legale europeo coerente con quanto fin qui illustrato.”

Forum SIP

Comitato di Salviamo il Paesaggio di Cislago

Il Gruppo Suolo Europa è composto da circa 60 persone, ognuna delle quali è il terminale di una o più associazioni territoriali locali. Tra gli scopi del GSE c’è quello di informare su quanto accade a livello europeo su suolo / territorio / paesaggio. Questo Bollettino ne è lo strumento più visibile, ma per poter “comunicare” bisogna anche conoscersi meglio. Per questo abbiamo invitato i membri del GSE a presentare il proprio gruppo di riferimento.

Cominciamo con il Comitato di Salviamo il Paesaggio di Cislago.

“Cislago è un Comune di circa 10mila abitanti, nella provincia del Basso Varesotto. Come Comitato di Salviamo il Paesaggio di Cislago facciamo non facciamo nulla di sconvolgente, se non quello di turbare il sonno e la serenità, di chi vorrebbe – in un modo o nell’altro – sigillare con asfalto e cemento, gli ultimi spazi di terreno naturale esistente.

 Diamo fastidio soprattutto, a chi, alla “chetichella” recinta perimetrando con siepi abnormi di “lauro ceraso”, terreni che poi spera di edificare. Tali personaggi, nel frattempo costruiscono casette abusive (con orticelli per distrarre, “innocentemente”…) e svolgono attività imprenditoriale edilizia, dentro i suddetti appezzamenti (resi incolti in mezzo ad aree agricole/boschive come da PGT, “di tutela Ambientale”…). Continua a leggere “Comitato di Salviamo il Paesaggio di Cislago”

Forum SIP

Parere del CESE su Utilizzo del suolo

Un vecchio adagio racconta di un contrabbandiere che attraversava ogni giorno la frontiera tra due Stati spingendo una carriola vuota. I doganieri a più riprese lo avevano fermato e perquisito senza mai trovare un appiglio da contestargli. Dopo molto tempo uno dei doganieri interpella il contrabbandiere e, annunciandogli che sarebbe andato in pensione, gli chiede di confidargli cosa e come contrabbandava. La risposta è stata: “carriole, basta spingerle”.

Come Gruppo Suolo Europa e Forum SIP non ci sentiamo “contrabbandieri”, ma sicuramente spingiamo quotidianamente la nostra “carriola” che contiene la visione di creare il Forum Europeo per Salvare il Paesaggio e Difendere il Territorio. Per questo continuiamo a cercare il contatto con coloro che usano il suolo senza preoccuparsene. Non si tratta di scendere a “compromessi”, ma di capirsi. Nella nostra “carriola” si stanno accumulando molti documenti che contengono le singole posizioni dei vari attori interessati. Descrivendoli cerchiamo di sottolineare i punti salienti, compresi quelli che a nostro avviso si possono ritenere come punti deboli. Continua a leggere “Parere del CESE su Utilizzo del suolo”

Forum SIP

Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens

Il 18 ottobre si è tenuta al Parlamento Europeo, organizzata dai Greens-EFA, una giornata di analisi e riflessione su come nutrire il pianeta lottando alla radice della fame (How to really feed the world? Fighting hunger at the root). Alla presenza di circa 150 partecipanti (agricoltori, agronomi, studenti, giornalisti, parlamentari), si sono tenute due sezioni. La mattinata è stata riservata all’uso dei pesticidi, il pomeriggio alla rivisitazione della politica agricola comune.

Nella sezione del mattino si sono affrontati principalmente: gli effetti dei pesticidi sul diritto all’alimentazione, l’azione Stop al glifosato, la manipolazione di dati e informazioni da parte delle multinazionali chimiche. Si sono ascoltate le azioni e le proposte da parte dell’associazionismo per l’eliminazione del glifosato con indicazioni di metodi alternativi al suo uso (rapporto del Pestide Action Network) e anche le indicazioni, le azioni e le raccomandazioni di alcuni agricoltori (tramite lo specifico video “A Herbicide Free Future“). Continua a leggere “Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens”

Forum SIP

Intervento della rappresentante del SIP al lancio di People4Soil

Riportiamo qui il resoconto effettuato dalla rappresentante del Forum SIP al lancio della Campagna ICE People4Soil a Torino.

“Come da programma, sono intervenuta alla fine, presentata con garbo e attenzione da parte del coordinatore della Campagna ICE People4soil. Ho intenzionalmente preferito evitare argomenti puntuali, visto il contesto europeo, ed ho ritenuto opportuno cercare di dare un contributo di sintesi, valido e costruttivo. Pertanto ho presentato il Forum SIP come “animale multiforme” composto da un’altissima diversità di soggetti e da alcune entità aderenti, associazioni, come la SIEP (Società italiana di ecologia del paesaggio). Continua a leggere “Intervento della rappresentante del SIP al lancio di People4Soil”

esperienze in Italia

Alle Colonne d’Ercole. In bicicletta attraverso luoghi e paesaggi oltreconfine

Nel nostro Bollettino 14 del 16 Aprile, abbiamo informato del viaggio in bicicletta di Tullio Berlenghi alle “Colonne d’Ercole”. Tullio viaggiava anche a nome del Forum Salviamo il Paesaggio. Virtualmente lo abbiamo accompagnato e seguito la cronaca del suo viaggio attraverso le informazioni che pubblicava regolarmente nel suo sito web. Tullio, raggiunto il suo e nostro obiettivo, è rientrato in Italia. Gli abbiamo chiesto alcune righe per illustrarci il suo stato d’animo. Ha gentilmente accettato.

“Ecco, adesso sono davvero solo. Io, la mia bicicletta e la strada. 150 chilometri alle spalle e 2000 da percorrere”. Erano questi i miei pensieri quando – arrivato a Sanremo, ad un terzo della seconda tappa – avevo appena salutato il mio amico Nazzareno che mi aveva accompagnato in quel primo tratto della tappa e venivo colto da un’emozione fatta di euforia ed inquietudine all’idea che per le prossime tre settimane sarei stato completamente solo.
Continua a leggere “Alle Colonne d’Ercole. In bicicletta attraverso luoghi e paesaggi oltreconfine”

istituzioni europee

Culture Action Europe

Gli specialisti che si interessano di suolo, territorio e paesaggio fanno spesso riferimento ai loro aspetti culturali. Parlare di suolo significa parlare della vita che vi è trascorsa sopra, quindi della sua storia e automaticamente della sua cultura.

Esiste in Europa un’associazione che si occupa di Cultura nel senso più esteso del termine: si chiama Culture Association Europe (CAE). Continua a leggere “Culture Action Europe”