Biodiversity? Did you say biodiversity?

We are looking at a shameful manipulation of reality. More and more architects and engineers are making the effort to create areas containing traces of eco-friendliness. Milan now has the vertical wood in the Porta Garibaldi area. Other buildings (banks, public and private offices, …) contain trees, plants, shrubbery. But what about soil? It appears to be no longer necessary: all one needs nowadays is substrata, to which add water and nutritional elements. Those in charge will monitor plant growth and their development. As a result, two questions may arise: 1. Why all this? And 2. How much will it cost? Answers to these questions evoke safeguarding biodiversity alias plant, insect and animal biodiversity protection and net improvement of air quality. Costs are high and afforded by … those that have money! We are not sure that those plants, especially those in a closed building, help in protecting biodiversity and clean air. In the end, it is clear that normal people without high revenues cannot afford it.

We would therefore like to tell you about an initiative, which is also a challenge in itself:

“Biodiversity: a way to cultivate it home, every day”. Continue reading “Biodiversity? Did you say biodiversity?”

Annunci

Biodiversità? Avete detto biodiversità?

Assistiamo ad una vergognosa manipolazione della realtà. Sempre più architetti e ingegneri si sforzano di costruire luoghi contenenti una parvenza di vita ecologica. Milano si è dotata del bosco verticale a Porta Garibaldi. Altri palazzi (banche, uffici pubblici, privati …) hanno al loro interno alberi, piante, arbusti. Ma dov’è il suolo? Sembra non sia più necessario: si possono usare vari substrati ai quali basta fornire acqua e elementi nutritivi. Del personale specializzato si occupa di seguire la crescita e lo sviluppo delle piante. Due domande sorgono spontanee: perché tutto ciò? quanto costa? Le risposte ricevute evocano la salvaguardia della biodiversità di piante, insetti e animali con un miglioramento della qualità dell’aria. Costi? Elevati e sopportati da chi … se lo può permettere. Siamo sicuri che piante “nutrite” aiutino biodiversità e producano aria più pulita specie se al chiuso? E soprattutto: come fa chi non se lo può permettere?

Ecco allora che vi segnaliamo un’esperienza, che di per sè rapprresenta una sfida:

“Coltivare la biodiversità: un percorso per farlo a casa tua, ogni giorno”.

L’Associazione Culturale Amici di Cuirone aderente al Forum Salviamo il Paesaggio in collaborazione con Slow Food Condotta Provincia di Varese, a partire dallo scorso ottobre ha allestito una mostra nel piccolo borgo di Cuirone di Vergiate (Varese) per avvicinare ogni persona a godere di quello che la natura offre. Il messaggio è chiaro: non c’è bisogno di andare lontano, la terra – anzi madre terra come ricorda san Francesco d’Assisi – ci circonda, offrendoci l’opportunità di scoprire gli equilibri che essa ha creato. Questi equilibri sono all’interno del riconoscimento della diversità biologica in cui terra, piante, animali, insetti lavorano tutti alacremente per formare e sostenere la vita sul pianeta. Continue reading “Biodiversità? Avete detto biodiversità?”

Slow Food e la biodiversità del suolo

In concomitanza con la Giornata Mondiale del Suolo del 5 dicembre di ogni anno vi è stata una dinamizzazione di attività celebrative. Segnaliamo qui la pagina web che Slow Food (membro del Forum SIP e della campagna ICE people4soil) ha consacrato alla biodiversità del suolo (disponibile anche in inglese)

Vi si spiegano le diverse cause della distruzione e della perdita di fertilità dei suoli: agricoltura industrializzata, erosione, deforestazione, impermeabilizzazione, inquinamento e cave. Continue reading “Slow Food e la biodiversità del suolo”

Intervento della rappresentante del SIP al lancio di People4Soil

Riportiamo qui il resoconto effettuato dalla rappresentante del Forum SIP al lancio della Campagna ICE People4Soil a Torino.

“Come da programma, sono intervenuta alla fine, presentata con garbo e attenzione da parte del coordinatore della Campagna ICE People4soil. Ho intenzionalmente preferito evitare argomenti puntuali, visto il contesto europeo, ed ho ritenuto opportuno cercare di dare un contributo di sintesi, valido e costruttivo. Pertanto ho presentato il Forum SIP come “animale multiforme” composto da un’altissima diversità di soggetti e da alcune entità aderenti, associazioni, come la SIEP (Società italiana di ecologia del paesaggio). Continue reading “Intervento della rappresentante del SIP al lancio di People4Soil”

People4Soil: Lancio ufficiale della campagna al Salone del Gusto. Torino 22/09/16

Lancio riuscito!

Al Salone del Gusto si è assistito ad un’animata passerella di vedute più o meno diverse, e da parte di alcuni entusiastica.

La sequenza degli interventi è stata quella prevista dal programma: Continue reading “People4Soil: Lancio ufficiale della campagna al Salone del Gusto. Torino 22/09/16”

Terra Madre Salone del Gusto 2016

Il Forum SIP sarà presente al Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Slow Food che quest’anno si terrà a Torino dal 22 al 26 settembre. Il Forum focalizzerà la sua presenza su tematiche concernenti la salvaguardia di suolo, territorio e paesaggio e raccoglierà le firme per l’ICE People4soil. Inoltre in questa stessa occasione potrà essere abbinata la lettera-appello (in corso di preparazione da parte del Forum) sul consumo di suolo in Italia.

Ricordiamo che Slowfood è uno dei membri del Forum SIP di cui sostiene e difende concretamente obiettivi ed azioni.

http://www.salonedelgusto.com/it/terra-madre-salone-del-gusto-esce-allo-scoperto/

People4Soil prima riunione del coordinamento italiano a Milano (3/12/2015)

Nel pomeriggio del 3 dicembre si è svolta a Milano la prima riunione del coordinamento italiano di People4soil, campagna che a livello europeo ha ricevuto l’adesione di 150 partner da 20 paesi UE.     In questo primo meeting erano presenti le principali associazioni ambientaliste nazionali quali Legambiente, LIPU, Salviamo il Paesaggio congiuntamente ad Angeli del Suolo, WWF, Slow Food, FAI, così come un discreto numero di associazioni locali e regionali. Qui il resoconto della riunione: 3-12-2015 Verbale coordinamento ITA People4Soil