Progetto “Svolta Sostenibile” – Frattamaggiore (Napoli)

Buona notizia: il Forum SIP si impegna a sostenere ufficialmente il progetto “Svolta Sostenibile” della Cooperativa Sociale Cantiere Giovani di Frattamaggiore (Napoli).

Cosa si prefigge la Cooperativa?  Interventi a favore delle comunità locali, con un particolare focus sui processi di partecipazione civica, inclusione, cultura, educazione, informazione, sviluppo e benessere psico-fisico.

In tale contesto, la Cooperativa ha presentato un progetto a There isn’t a Planet B! una iniziativa co-finanziata dall’Unione Europea ed eseguita da Punto.Sud. Il Forum SIP ha deciso di essere direttamente coinvolto nel progetto Svolta Sostenibile perché ha come scopo di “sradicare, dalle coscienze di cittadini abituati a vivere nel contesto più cementificato d’Italia (Napoli Nord e Caserta Sud), l’idea di normalità prodotta dall’abitudine e dal non avere familiarità con alternative. Sviluppare una presa di coscienza collettiva dei disagi vissuti e spesso non riconosciuti, per diffondere pratiche di vigilanza, mobilitazione e partecipazione che contribuiscano a invertire la rotta.Continua a leggere “Progetto “Svolta Sostenibile” – Frattamaggiore (Napoli)”

Annunci

Dichiarazione Città Libere dai Pesticidi

Il Forum SIP ha sottoscritto la dichiarazione dei Sindaci e Parlamentari europei presentata ufficialmente il 27 settembre 2018 alla Tavola Rotonda tenutasi al Parlamento Europeo su Città Libere da Pesticidi. La rapida adozione a livello europeo di una legislazione (già approvata in Francia) che vieti l’uso e la vendita di pesticidi chimici nei centri urbani permetterebbe la salvaguardia sanitaria degli abitanti dei centri urbani e, allo stesso tempo, la sopravvivenza di microrganismi, fauna e flora presenti nei suoli e pesantemente messi a rischio dai pesticidi.

Il Forum SIP considera l’adesione a questa dichiarazione un primo passo per la sensibilizzazione di sindaci e delle loro giunte. Senza aspettare specifiche leggi o disposizioni i Comuni possono attivarsi per attuare il contenuto della dichiarazione, che deriva dal semplice buon senso. Molti sindaci di vari paesi dell’Unione Europea e in particolare in Italia, hanno già introdotto regolamenti comunali che dispongono l’eliminazione e il non uso di pesticidi chimici nel loro territorio. Il primo passo è cominciare dall’informare e formare l’apposita struttura tecnica del Comune (giardinieri, guardie campestri, responsabili raccolta rifiuti, …) sul divieto dell’uso di pesticidi chimici per sostituirli con altre forme di controllo degli agenti infestanti. A ciò va aggiunto uno strumento comunale che vieti anche ai privati l’uso di pesticidi chimici nei loro spazi – sia cementificati che verdi – all’interno dell’area urbana. Cambiare le proprie abitudini e comportamenti è uno dei compiti più ardui, per questo ci vuole una consapevolezza che può derivare da una corretta informazione e soprattutto da un diretto coinvolgimento e partecipazione. Questa è in sintesi quanto i sindaci presenti il 27 settembre hanno presentato. Continua a leggere “Dichiarazione Città Libere dai Pesticidi”

Gli studenti della Scuola Europea di Uccle (Bruxelles)

Il genitore invia i propri figli a scuola affinché “apprendano”. Il professore generalmente ambisce a che i suoi allievi “comprendano” e si approprino di quanto illustrato loro. Invece, il massimo della contentezza è quando gli studenti ci “sorprendono” con le loro idee e novità.

L’evento “Il suolo è vita!” organizzato dal Forum SIP il 5 dicembre 2017 all’Istituto Italiano di cultura di Bruxelles aveva lo scopo di sensibilizzare sull’importanza del suolo per tutti gli esseri umani. La presenza delle studentesse e degli studenti di alcune classi della Scuola Europea di Bruxelles, grazie alla sensibilizzazione dei loro professori, aveva lo scopo di attirare la loro curiosità su questa complessa tematica. Il loro coinvolgimento ha da subito ottenuto una presa di coscienza che è andata ben oltre la serata. Continua a leggere “Gli studenti della Scuola Europea di Uccle (Bruxelles)”

Valutazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici per l’Europa e l’Asia Centrale

Si sente parlare del IPCC il panel intergovernativo sul cambiamento climatico. Molto meno si sente menzionare la piattaforma scienza-politica intergovernativa sulla Biodiversità e i Servizi Ecosistemici (The Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services -IPBES). Anche quest’ultimo è una organizzazione intergovernativa creata nel 2012 per fornire ai politici di tutto il mondo una valutazione sullo stato della biodiversità e degli ecosistemi basandosi su dati rilevati scientificamente. Il suo obiettivo finale sta in poche parole: la possibilità di preservare l’ambiente naturale per le generazioni future.

Ne parliamo perché l’IPBES, nella seduta plenaria del marzo 2018, ha presentato un rapporto esaustivo sulla situazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici. La raccolta ed elaborazione dei dati e la preparazione del rapporto hanno impiegato in totale tre anni e l’impegno di centinaia di esperti di 45 paesi. Suddiviso per regioni geografiche, questo rapporto rappresenta la più attuale fotografia della stato della biodiversità e degli ecosistemi. Allo stesso tempo indica quali misure possano essere messe in atto per evitare un ulteriore degrado delle condizioni naturali. Continua a leggere “Valutazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici per l’Europa e l’Asia Centrale”

Terres des liens (France)

Mettersi assieme è diventato una necessità: di fronte a sparizione e degrado dei suoli vi è urgenza e necessità di agire. Può la proposta di legge del Forum Sip ovviare alla situazione fortemente negativa ormai descritta da tutti i documenti ufficiali sia italiani che europei? Sicuramente è un passo nella giusta direzione, ma altro ci attende. Per esempio si dovrà assicurare l’uso dei terreni a nuovi agricoltori con innovative forme di contratto di affitto accessibili a chi può coltivare ma non ha risparmi per poterlo fare. Si dovranno creare facilitazioni per l’acquisizione di macchinari e strumenti. Si potrà incoraggiare l’agricoltura biologica e rispettosa dell’ambiente con agevolazioni anche di carattere fiscale. Inoltre, bisogna prevedere di sostenere le persone che si costituiscono in gruppi o cooperative per riprendere attività agricole e rurali.  La lista può continuare ancora a lungo. Tutto si basa però su un mutamento radicale dell’opinione pubblica e quindi della Politica che deve rimettere al primo posto l’agricoltura e chi vi lavora. Continua a leggere “Terres des liens (France)”

Natura Europea al Plurale

“Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”. Di fronte ad un degrado costante e impietoso dell’ambiente, di fronte ad un arretramento politico sull’importanza della salvaguardia ambientale, di fronte al negazionismo in merito al cambiamento climatico … necessitano forti “scosse” adrenaliniche che riaccendano la speranza e la voglia di cambiare.

Ci hanno provato gli olandesi a smuovere le acque. Il rapporto “European Nature in the Plural. Finding common ground for a next policy agenda” (“Natura europea al plurale. Trovare un terreno comune per una prossima agenda politica”) è stato pubblicato recentemente e vuole sollecitare i governi dell’Unione Europea a costruire un nuovo referenziale a protezione della natura accompagnandolo con un maggiore impegno politico. Il rapporto si concentra sulla diversità biologica e sulla protezione della natura per contribuire al rinnovamento dell’attuale legislazione europea al di là del 2020. Naturalmente il suolo e la sua biodiversità ne fanno parte integrante. Continua a leggere “Natura Europea al Plurale”

Numero monografico sul suolo della Rete Rurale Nazionale (RRN)

Il programma Rete Rurale Nazionale è lo strumento operativo, cofinanziato dalla Commissione Europea (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale – FEASR) e dal Ministero delle Politiche Agricole per attuare programmi di sviluppo nel mondo rurale. In Italia tale fondo viene utilizzato anche per sostenere la Rete Rurale Nazionale (RRN) presente in tutte le Regioni. Tra le sue attività ha la pubblicazione di un periodico. Dal primo settembre la rivista ha cambiato nome e veste tipografica, non si chiama più Pianeta PSR ma RRN Magazine ed è un quadrimestrale di approfondimento di tematiche relative alle politiche di sviluppo rurale. Continua a leggere “Numero monografico sul suolo della Rete Rurale Nazionale (RRN)”

Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens

Il 18 ottobre si è tenuta al Parlamento Europeo, organizzata dai Greens-EFA, una giornata di analisi e riflessione su come nutrire il pianeta lottando alla radice della fame (How to really feed the world? Fighting hunger at the root). Alla presenza di circa 150 partecipanti (agricoltori, agronomi, studenti, giornalisti, parlamentari), si sono tenute due sezioni. La mattinata è stata riservata all’uso dei pesticidi, il pomeriggio alla rivisitazione della politica agricola comune.

Nella sezione del mattino si sono affrontati principalmente: gli effetti dei pesticidi sul diritto all’alimentazione, l’azione Stop al glifosato, la manipolazione di dati e informazioni da parte delle multinazionali chimiche. Si sono ascoltate le azioni e le proposte da parte dell’associazionismo per l’eliminazione del glifosato con indicazioni di metodi alternativi al suo uso (rapporto del Pestide Action Network) e anche le indicazioni, le azioni e le raccomandazioni di alcuni agricoltori (tramite lo specifico video “A Herbicide Free Future“). Continua a leggere “Giornata di studio del Gruppo Parlamentare Europeo dei Greens”